Eros ed eresia


di Giuliana Conforto

www.giulianaconforto.it

La nuova amicizia tra Eros e Tanatos stava travolgendo i consueti confini, anche quello tanto temuto dagli uomini, il confine tra la vita e la morte. Eros, l'ardente ed appassionato amante della 'regina', è anche il messaggero degli infiniti universi. Oggi lo sappiamo: Eros è la Vita, la via verso l'Uno, il Messaggio della Sua Memoria. Sulla Terra di allora, l'eros era ristretto alla coppia, ad incontri fugaci durante la notte, ma il ricordo degli altri mondi si stava risvegliando. Molti e sempre più scoprivano che i 'morti' non sono morti. Gli uomini vivevano l'alba della nuova era, la rivelazione della Vita Eterna che dà vita ad ogni corpo, terrestre e celeste, fa nascere i cuccioli di ogni specie, anche quelli umani.

L'umanità allora ignorava l'esistenza della Forza! Gli scienziati l'avevano scoperta, ma non conoscevano i Suoi effetti sul corpo umano e meno che mai sospettavano che fosse Intelligente; anzi si opponevano con tenacia ad una simile ipotesi. E' comprensibile; ammettere l'Intelligenza della Forza travolgeva tutte le basi della loro "conoscenza", fino allora fonte di privilegi, cattedre e carriere, il modo migliore per esercitare il potere sugli altri ed usare solo i pochi "esperti" garantiti dal potere stesso. Oggi che abbiamo imparato ad usare la Forza, sappiamo che conoscere è una funzione del cervello umano ed è come fare ginnastica; più sei allenato e più sei agile. Oggi sembra incredibile, ma allora la conoscenza era un cumulo di nozioni che, sin da piccoli, irrigidivano il cervello. Di emozioni e di avventure si parlava solo nei film, e di plasticità cerebrale parlavano solo gli "esperti", adulti che avevano ormai il cervello paralizzato.

Come era possibile vivere in quel mondo? Non era facile e non era proprio una bella vita .. Il presente era oppresso dal passato e represso da un futuro che doveva essere più o meno uguale al passato. Chi coglieva l'attimo fuggente, scopriva intuizioni, soluzioni semplici, sentiva in sé la capacità di cambiare rotta e, volendo, anche la sua vita. Così non solo risolveva i suoi problemi ma lubrificava anche il proprio cervello, attivava la sua funzione primaria, quella di ricevere e trasmettere la Forza, la Vita, la vera e unica scuola.

Apprendere è insegnare a se stessi. La Forza, infatti, è auto-insegnante, è la vita, l'unica vera maestra. Oggi lo sappiamo, ma allora riconoscerlo rischiava di travolgere tutta la vecchia "conoscenza", scienze, scuola, accademie ed anche le religioni. L'uomo che sentiva la Forza, si rendeva conto che il 'nemico' non esisteva, smetteva di combatterlo e diventava perciò il protagonista della propria esistenza; sviluppava creatività, intelligenza, presenza, partecipazione, comprensione, compassione e anche trasparenza, coerenza, gioia, humour.

E' così che alla fine il 'potere' fu travolto da una gran risata . prima però erano tutti molto seri, attenti a non sfiorare l'eresia ed a fingere di ignorare l'eros. La Forza, "l'Amor che move il sole e le altre stelle", come aveva scritto un grande poeta, Dante Alighieri, era il sogno dei pochi che amavano la vita. La maggioranza lottava contro il "potere" ed in fondo "lo" cercava.

La Forza, l'Amore, era circoscritto alla coppia. Tutti gli altri modi di amare erano stati aboliti o sostituiti con dei surrogati. La fratellanza era diventata solidarietà, elemosina, collette. Povero mondo che ignorava le infinite risorse della "regina" la quale, ormai pregna d'amore, stava cambiando il modo di sentire degli uomini. Dall'amore per il potere, l'umanità sentiva il potere dell'Amore.

Il distacco dal "potere" era sempre più diffuso. Gli uomini sentivano verità che prima non avrebbero mai ammesso; tabù quali morte, alieni, UFO stavano diventando argomenti sempre più diffusi e quasi ovvi, malgrado il silenzio della stampa. Tuttavia gli uomini non sapevano che la causa del cambiamento fosse proprio la "regina". L'evento era stato annunciato e previsto da molte profezie, ma gli uomini, soprattutto se colti ed autori della "conoscenza", non credevano più nelle profezie. La svolta epocale stava avvenendo quindi a loro insaputa. Non si spiegavano l'improvviso cambio di costumi, l'emergere dell'eros nella vita individuale e sociale, l'aumento del bisogno insopprimibile di trasparenza. Pare che l'intelletto utilizzasse solo il 5% delle tante funzioni del cervello ...

Il vero "nemico" dell'uomo era il suo intelletto, la porzione logica, sorda all'eros, bloccata dalla logica duale, limitata ad osservare la storia conosciuta .. Il film. Non voleva credere che la "realtà" fosse un pallido riflesso dell'eterna realtà. L'intelletto viveva nella paura di aprire la "porta", di prestare ascolto ed attenzione alle emozioni, alla voce della coscienza.. L'uomo era lacerato dentro e fuori.

Sentiva eros ed emozioni, ma il più delle volte li reprimeva. Teso verso mete esterne ed effimere, non conosceva se stesso. Perciò l'utopia, la vera giustizia, un mondo ricco e senza confini ove le armi non solo tacciono, ma nemmeno si producono, era creduto "impossibile"; "lui" poveretto era abituato ad ignorare la via, cioè l'eros, e forse proprio per questo era così morboso nei confronti della propria sessualità.

Il "divide et impera" più geniale era stato quello tra intelletto e sesso, testa e genitali. Un altro era la divisione tra "spirito" e "materia". Nessuno sapeva bene che cosa fosse la "materia", ma tutti si sentivano in diritto di disprezzarla. Perciò cresceva il numero di chi si dedicava allo "spirito": era diventato un hobby, una sorta di "dopo lavoro". Intanto anche la materia della Terra stava cambiando, era evidente da mille indizi: il clima, la follia crescente, le comete, le imponenti esplosioni nel cielo. E non solo. Anche il sole e la luna stavano cambiando. Quelli che alzavano gli occhi al cielo lo vedevano. Erano i pochi che ardevano dal desiderio e cercavano la verità.

La TV però non diceva niente e, per gli "esperti" che apparivano in TV, tutto si ripeteva come di consueto. Erano nella norma anche i terremoti che spostavano l'asse terrestre! Oggi viviamo in un mondo trasparente alla Forza, dove qualsiasi informazione è aperta e disponibile. Non ci sono "segreti". Allora per avere informazioni si doveva navigare nella rete di Internet e spesso significava perdersi nei suoi meandri. La ricerca era appassionata, ma costava solitudine, fatica, a volte perdita di orientamento. Chi imboccava la "via", compiva un'eresia rispetto all'ortodossia del pianeta. La Forza agiva come una spada, divideva il vero dal falso, scioglieva vincoli e relazioni ipocrite in modo naturale. Intanto le notizie filtravano e le eresie si moltiplicavano; c'era chi parlava di alieni, chi li vedeva brutti e cattivi, chi buoni e belli. C'era anche chi negava la loro esistenza ed era convinto che fosse tutto normale, tutto come sempre.

Intanto la spada laser penetrava la vera "regina" nella sua veste più sofisticata: la materia grigia del cervello umano. Eros indicava a tutti la "porta", ma amava troppo la libertà per insistere con chi voleva tenerla chiusa con il "chiavistello". C'era anche un "chiavistello"? Purtroppo si. All'inizio di quella che allora chiamavano era moderna, la "corte" si era resa conto che le religioni non sarebbero state più sufficienti ad arginare la verità e cioè l'esistenza della Forza, "l'Amore che unisce e dà vita ad infiniti mondi", come diceva Giordano Bruno. Allora aveva allevato un'altra stirpe di guardiani, con il compito di nasconderLa agli uomini: i Ciclopi.

I Ciclopi e la "porta"

Il "chiavistello" era la conoscenza ed i Ciclopi, lo avete capito, erano i suoi guardiani: dottori, politici, teologi, filosofi ed anche, è ovvio, scienziati.

[..]

estratto dal nuovo "Universo Organico" di Giuliana Conforto Noesis Edizioni - Macro Edizioni

dalla news-letter di Giuliana Conforto:

Caro amica/amico, è da poco iniziato un nuovo corso che coinvolge tutti. Il nuovo mondo si sta manifestando come verità. La verità viene a galla ovunque in modo spontaneo e quasi esilarante.

I difensori della libertà sono gli attaccanti, i protettori della morale comune quelli che la violano, gli abili economisti quelli che stanno portando il paese alla bancarotta, i legislatori, che dovrebbero mettere ordine, creano disordine.

[...]

Il punto è che, come al solito, la verità manca. E verità è che la vita è tuttora un mistero sul quale scienze e religioni si contendono, offrendo il solito bipolarismo, si o no.

E se la vita fosse invece sia sì che no, unità, amore, copula tra gli opposti? Troppo semplice? Si, e forse scomodo anche per la fecondazione assistita... La sterilità in aumento non è un caso, ma uno dei tanti segni che la vita sta evolvendo ed insieme con la vita, stanno evolvendo anche la sessualità umana, la terra e l'intero sistema solare.

La Vita è una Forza cosmica e la Forza ha due lati, oscuro e luminoso. Lo dice anche la saga di Guerre Stellari, di cui oggi esce l'ultimo film. In questo film vince il lato oscuro, ma sappiamo tutti che dopo, il lato luminoso vince ed è questa la fase che stiamo vivendo. La verità emerge ed il sorriso è la via verso... una fragorosa e sonora risata.

Oggi il figlio dell'uomo sta nascendo e la nuova terra si sta manifestando...

[...]

Un'unica Forza unisce infiniti mondi, muove il cuore delle stelle e commuove quello dell'uomo che vuole un mondo giusto e sano. E' la Vita, debole per gli strumenti scientifici, coscienza per chi cerca la verità. Oggi l'utopia reale è possibile: il lato oscuro, che ha controllato il mondo, sta diminuendo e quello luminoso, che dona libertà e coscienza dell'immortalità, sta crescendo...

Una concezione dell'universo è anche una concezione dell'uomo e della società. L'unità organica dell'Universo non è smentita dalla scienza moderna; è solo ignorata perché travolge la conoscenza ufficiale ed i suoi due pilastri, scienze e religioni.

L'unità organica è la Vita eterna, la Forza che i fisici chiamano "Elettrodebole" e che ha due lati: uno è il campo elettromagnetico che tutti conoscono, e l'altro è il campo debole che tutti ignorano.

Il debole spiega la nostra umana immortalità, senza ricorrere alle religioni. Il "debole" dirige la fusione nucleare di tutte le stelle dell'universo e, per il corpo umano sensibile, è vita, emozione, eros, coscienza, gioia, salute.

L'essere umano è stato educato a reprimere le emozioni, ad obbedire ad una morale che divide il bene dal male, il sesso dall'amore e reprime l'etica naturale. Oggi il lato em ( ndr: elettromagnetico) sta diminuendo e quello debole sta crescendo. Lo dimostrano una serie di fenomeni che i media non diffondono, perché temono la fine del mondo.

E' solo la fine del "potere", della "conoscenza" che ignora il lato luminoso della Forza e quindi il significato della vita e della morte. E' l'inizio della vera libertà, armonia, prosperità e giustizia per tutti. E' l'utopia reale.

Sono in corso molte nuove iniziative.

Che la Forza sia con te. Giuliana Conforto

* * *

La riproduzione e la diffusione di questo materiale è libera e incoraggiata purché si citi la fonte e si rispetti la Creative Commons License.